giovedì 29 agosto 2013

Partite IVA, no allo spesometro se invio telematico delle fatture.

Il Decreto del fare (D.L. n. 69/2013, convertito nella Legge n. 98/2013 in vigore dal 21 agosto) stabilisce, per i titolari di partita IVA, la soppressione dell'obbligo dello spesometro se inviano all'Agenzia delle Entrate per via telematica tutte le fatture di acquisto e di vendita relative alla loro attività. Sarà possibile, inoltre, scegliere di effettuare un invio giornaliero delle fatture, se più semplice. Tutto ciò dal 1° gennaio 2015. La scelta di adottare il canale telematico per l'invio delle fatture è opzionale.


Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

Sistri obbligatorio solo per i rifiuti pericolosi.

Una bozza di Decreto legge approvato lunedì scorso dal Consiglio dei Ministri prevede che il Sistri sia obbligatorio solo per garantire la tracciabilità dei rifiuti pericolosi. Il sistema partirà dal 1° ottobre, ma intanto solo per i trasportatori professionali, gli intermediari ed i gestori di impianti di recupero e smaltimento. Dal 3 marzo 2014, invece, il Sistri diventerà obbligatorio anche per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, sempre se i risultati delle semplificazioni diano esiti positivi, altrimenti ci potrebbe essere una nuova proroga semestrale.


Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

mercoledì 28 agosto 2013

Quesito: impostazione fattura.

Il mio commercialista è in ferie io devo fare una fattura che non so se è corretta:ricevo fatt. da A per consegna di mangime con ddt a B. Io che ho un contratto con Z affinchè acquisti il mangime da A, emetto fattura a Z a fronte di quel ddt emesso a B. Spero di essere stata chiara..Scusate e grazie !

| More

IMU, il nodo verso la soluzione.

Il nodo dell'IMU sta per risolversi. Tra oggi e domani il ministro dell'Economia Saccomanni dovrebbe inviare al Governo la bozza della soluzione della questione IMU. L'idea è quella di attuare una moratoria dell'IMU per tutto il 2013 sulle abitazioni principali, compresa la rata di dicembre, e di far scattare la nuova "service tax" federalista, comprensiva dell'imposta sugli immobili e delle imposte sui servizi (tra cui la Tares) solo dal 2014. La questione resta sulla copertura finanziaria della misura, che in parte potrebbe arrivare anche dal maggior gettito IVA proveniente dall'operazione di sblocco dei ritardati pagamenti della Pubblica amministrazione alle imprese.


Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

Tobin tax, aperta la consultazione pubblica per la riforma.

Il dipartimento delle Finanze ha avviato, dallo scorso 22 agosto, una consultazione pubblica on line sulle modifiche da apportare, con un apposito decreto di riforma, alla Tobin tax, la tassa sul trasferimento della proprietà delle azioni e degli strumenti finanziari partecipativi emessi da società residenti nel territorio dello Stato (Decreto Mef del 21 febbraio 2013). Coloro che intendano partecipare alla consultazione pubblica possono farlo entro il prossimo 30 agosto, attraverso internet. Alla scadenza del periodo di consultazione, il Mef pubblicherà il resoconto dei contributi pervenuti, che, si ricorda, sono solo suggerimenti e non vincolano in alcun modo le future decisioni dell’Amministrazione finanziaria. La Tobin tax, a seguito della proroga ad opera del D.L. n. 69/2013, è slittata dal 1° luglio al 1° settembre 2013 ed il primo versamento da parte degli intermediari finanziari dovrà avvenire entro il 16 ottobre.

| More

DURC: dal 2 settembre solo con PEC.

L'Inps, con messaggio n. 13414 diffuso il 23 agosto, ha ricordato che dal 2 settembre la richiesta del Durc potrà essere ammessa solo se il richiedente avrà indicato la propria casella di posta elettronica certificata (PEC). A tale data termina, infatti, la proroga, rispetto alla scadenza del 1° luglio, che era stata concordata con Inail e Casse edili. Sempre dal 2 settembre, inoltre, il DURC verrà rilasciato mediante PEC non solo alle Pubbliche Amministrazioni, ma anche alle imprese.


Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

730/2013 anche per i lavoratori senza sostituto e a credito.

Il D.L. 21 giugno 2013, n. 69 (c.d. "Decreto del fare") è stato convertito, con modificazioni, dalla Legge 9 agosto 2013, n. 98, pubblicata nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 20 agosto 2013. L'art. 51-bis del decreto stabilisce che, a decorrere dall’anno 2014, i soggetti titolari dei redditi di lavoro dipendente e assimilati privi di un sostituto d’imposta, possono comunque adempiere agli obblighi di dichiarazione dei redditi presentando il modello 730 e riscuotere il rimborso direttamente dall’Amministrazione finanziaria. La disposizione di legge prevede, inoltre, che, se dalle dichiarazioni relative al periodo d'imposta 2012 (730/2013) emerge un credito, per ottenerlo subito a rimborso le stesse possono essere presentate dal 2 al 30 settembre 2013, senza dover presentare il modello UNICO. I termini e le modalità applicative di tale disposizione sono stati stabiliti con provvedimento del 22 agosto 2013. Il Provvedimento è stato accompagnato dall'emanazione di una Circolare, la n. 28 sempre del 22 agosto, contenente le istruzioni operative per ottenere velocemente il rimborso delle maggiori imposte pagate: accredito diretto su conto corrente se si comunicano le proprie coordinate bancarie o postali.

| More

Imposte non pagate, è tempo di ravvedimento.

I contribuenti che non hanno provveduto ad effettuare il versamento delle imposte derivanti da UNICO con la maggiorazione dello 0,40% o delle altre imposte in scadenza lo scorso 20 agosto, possono ora sanare la propria posizione ricorrendo all'istituto del ravvedimento operoso che permette di ridurre l'ordinaria sanzione del 30%. Tre sono i tipi di ravvedimento: quello "sprint", che a cui si può ricorrere entro 14 giorni dalla scadenza applicando la sanzione dello 0,2% per ciascun giorno di ritardo; quello "breve", che va effettuato dal 15° al 30° giorno successivo, con sanzione del 3% fisso; quello "lungo", che va effettuato entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva per le imposte derivanti dalle dichiarazioni annuali oppure entro un anno per le imposte non derivanti da dichiarazioni annuali, con sanzione del 3,75%. Sono in ogni caso dovuti gli interessi legali del 2,5% su base annua.


Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

Responsabilità solidale appalti senza IVA.

Nel testo finale del Decreto del fare (D.L. n. 69/2013), quello convertito nella Legge n. 98/2013, con riguardo alla responsabilità solidale negli appalti, è stata alla fine mantenuta la versione originaria del decreto stesso, con l'eliminazione di qualunque verifica della controparte contrattuale in relazione ai versamenti IVA. L'appaltatore deve, perciò, richiedere semplicemente al subappaltatore l'asseverazione di un soggetto qualificato attestante che i versamenti delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente siano stati "correttamente eseguiti". Il committente deve comportarsi allo stesso modo nei confronti dell'appaltatore, il quale deve fornirgli anche la documentazione rilasciata dal subappaltatore.


Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

mercoledì 21 agosto 2013

Quesito: sequestro preventivo.

posso vendere un immobile
 soggetto a sequestro preventivo ?faccio presente che non vi è ad oggi iscrizione in conservatoria del sequestro preventivo

| More

Decreto del fare: 730 anche per disoccupati.

Grazie alla legge di conversione del Decreto legge n. 69 del 21 giugno 2013 (c.d. “decreto del fare”), il modello 730 potrà essere usato anche dai lavoratori dipendenti e soggetti assimilati che al momento del conguaglio si trovano senza un sostituto d’imposta, come può capitare quando la persona rimane senza lavoro. La norma entrerà in vigore dal 2014, ma già quest’anno le dichiarazioni potranno essere presentate dal 2 al 30 settembre 2013, per il tramite di un Caf o di un professionista abilitato. In caso di chiusura del 730 a credito, sarà l'Agenzia delle Entrate ad eseguire il rimborso.

| More

Mediazione obbligatoria per le liti condominiali.


Le controversie condominiali alle quali si applica la mediazione obbligatoria sono quelle derivanti dalla violazione o errata applicazione degli artt. 1117 a 1139 del Cod. Civ., quali ad esempio le liti che riguardano le parti comuni, le morosità dei condomini, l'applicazione del regolamento, le tabelle millesimali.

La domanda di mediazione deve essere presentata presso un organismo di mediazione e necessita dell'assistenza di un avvocato in tutte le fasi del procedimento. Viene introdotto un regime di gratuità nel caso di mancato accordo.

Il condominio viene rappresentato dall'amministratore che deve essere espressamente autorizzato dall'assemblea condominiale che delibera a maggioranza degli intervenuti, che rappresenta, in millesimi almeno la metà dell'edificio.

Sempre con la stessa maggioranza l'assemblea deve approvare la proposta di mediazione. Se non viene approvata dall'assemblea la  proposta di mediazione si intende respinta.

 
Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

Le semplificazioni operative del Decreto del Fare.

Il Decreto del Fare che dovrebbe essere pubblcato in Gazzetta domani 19 agosto, contiene alcune semplificazioni immediatamente operative e altre che invece devono attendere i decreti attuativi.

Una delle norme piu' attese e' l'indennizzo automatico e forfettario che dovra' corrispondere l'Amministrazione all'impresa in caso di ritardo nel concludere una pratica. La misura e' tuttavia valida per le domande di avvio di esercizio dell'attivita' presentate dopo l'entrata in vigore della legge. L'indennizzo e' pari a 30 euro per ogni giorno di ritardo fino a un massimo di duemila euro.

Validita' DURC - da 90 a 120 giorni. Nel periodo della sua validita' potra' essere utilizzato anche per contratti pubblici diversi da quelli per cui e' stato richiesto.

I certificati medici per la gravidanza dovranno essere trasmessi telematicamente direttamente dal medico.

Nuove regole per la richiesta di cittadinanza degli stranieri o apolidi.

Le semplificazioni per l'edilizia entrano in vigore subito, ad eccezione della Scia per le modifiche della sagoma degli edifici in ristrutturazione a parita' di volumetria nei centri storici, per la quale bisognera' aspettare l'adozione delle delibere con cui i Comuni individueranno le aree dove di applica la nuova procedura.

Anche le semplificazioni sulla sicurezza in azienda dovranno attendere i decreti attuativi del Ministero del Lavoro.


Fonte: Il Sole 24 Ore

| More

I requisiti strutturali per mettersi in proprio.

I principali requisiti che un locale deve possedere affinché tutto si possa svolgere in conformità con le disposizioni che la legge impone sono:
- Impianto elettrico;
- Sicurezza degli impianti;
- Norme di sicurezza;
- Contratto di locazione.
Impianto elettrico

Uno dei requisiti fondamentali del nostro locale può essere di sicuro quello relativo all’impianto elettrico. Una volta progettato quest’ultimo, si procederà con l’installazione e con la prescritta certificazione.

La dichiarazione di conformità contiene informazioni sulla procedura di installazione, sulla tipologia di materiali utilizzati, sulle norme seguite e sull’ubicazione dell’impianto.

A corredo, saranno acclusi una serie di allegati (alcuni dei quali obbligatori, pena la nullità della dichiarazione):
il progetto o lo schema d’impianto;
la relazione tipologica (o l’elenco dei materiali);
il certificato d’iscrizione alla Camera di commercio.
Sicurezza degli impianti

In base all’art. 28 d.lgs. n. 81/2008, l’azienda è tenuta a redigere il documento di valutazione dei rischi (DVR).
Dal 1° giugno 2013 tutte le aziende, indipendentemente dal numero degli addetti, devono possedere il documento cartaceo da cui risulta la procedura eseguita per rilevare i rischi presenti in azienda.

Per maggiori approfondimenti acquista la guida “Documento di valutazione del rischio e stress da lavoro correlato" a cura di Staiano Avv. Staiano
Contratto di locazione

Una volta valutato che il locale risponde alle caratteristiche richieste per l’apertura, si procede- rà alla predisposizione del contratto di locazione.

Il contratto di locazione deve essere registrato entro 30 giorni dalla data della stipula presso l’Agenzia delle entrate:
con modalità telematica (online): obbligatoria per i possessori di oltre 10 immobili e facoltativa per tutti gli altri contribuenti, purché abilitati ai servizi telematici;
con modalità tradizionale (cartacea): è necessario recarsi presso un ufficio dell’Agenzia delle entrate per compilare il modello 69 dopo avere effettuato il pagamento dell’imposta di registro. Le parti contraenti devono calcolare il tributo e versarlo presso qualsiasi agente della riscossione, banca o ufficio postale;
incaricando un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.).

Se la durata del contratto non supera i 30 giorni complessivi nell’anno, non si è obbligati alla registrazione del contratto. Il canone annuale è soggetto all’imposta di registro (1%, se è prevista anche l’applicazione dell’Iva – 2% negli altri casi). Il versamento dell’imposta va effettuato con modello F23 e va ripartito equamente tra conduttore e locatore, salvo accordi diversi. Una volta eseguito il versamento ed apposte marche da bollo per € 16 andrà presentato presso gli uffici dell’Agenzia delle entrate per la registrazione. Il limite di deposito cauzionale richiedibile dal locatore è pari a 3 mensilità.

| More

venerdì 16 agosto 2013

Scadenze fiscali del 30 settembre 2013


CHI CHE COSA CODICE TRIBUTO
Persone fisiche non titolari di partita Iva e che non partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese alle quali si applicano gli studi di settore, tenute ad effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali (UNICO PF) e che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il
17 giugno
Versamento della 5° rata dell'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
1,13%
4001 - Irpef Saldo
    4033  - Irpef acconto - prima rata
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 5° rata dell'addizionale regionale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l'anno d'imposta 2012, con applicazione degli interessi nella misura dello
1,13%
3801 - Addizionale regionale all'imposta sul reddito delle persone fisiche
    3805 - Interessi pagamento dilazionato tributi regionali
  Versamento della 5° rata dell'addizionale comunale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
1,13%
3844 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - saldo
    3843 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - acconto
  Versamento della 5° rata dell'acconto d'imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti
a ritenuta alla fonte, con applicazione degli interessi nella misura dello 1,13%
4200 - Acconto imposte sui redditi soggetti a tassazione separata.
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 5° rata dell'imposta sostitutiva sulle plusvalenze conseguite a partire dal 01/07/1998 dovuta in base alla dichiarazione dei redditi, con applicazione
degli interessi nella misura dello 1,13%
1100 - Imposta sostitutiva su plusvalenza per
cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificate
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 5° rata del contributo di solidarietà dovuto per l'anno d'imposta
2012 risultante dalla dichiarazione dei redditi annuale,con applicazione degli interessi nella misura dello 1,13%
1683 - Contributo di solidarietà di cui all'art.
2, comma 2, del D.L. n.
138/2011 determinato in sede di dichiarazione annuale dei redditi
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 5° rata, dell'Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno 2013 con applicazione degli interessi nella misura dello 1,13% 4041 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- SALDO
    4044 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- ACCONTO PRIMA RATA
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 5° rata dell'Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
1,13%
4043 - “Imposta sul valore delle attività finanziarie
detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello
Stato - art. 19, c. 18, DL. n. 201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– SALDO”
    4047 - Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - art.
19, c. 18, DL. n.
201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– ACCONTO PRIMA RATA”
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Locatori, persone fisiche non titolari di partita Iva e che non partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese interessate dagli studi di settore, proprietari o titolari di altro diritto reale di godimento su unità immobiliari abitative locate, per finalità abitative, che abbiano esercitato l'opzione per il regime della cedolare secca, che hanno
scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il
17 giugno
Versamento della 5° rata, dell'imposta sostitutiva operata nella forma della "cedolare secca", a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
1,13%
1840 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - ACCONTO PRIMA
RATA
    1842 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali, nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - SALDO
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Creditori pignoratizi non titolari di partita IVA che non partecipano ai sensi degli artt. 5, 115 e 116 TUIR a società, associazioni o imprese interessate dagli studi di settore,  che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 17 giugno Versamento della 5° rata, dell'imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, con
applicazione degli interessi nella misura dello 1,13%
4040 - Imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio - Provvedimento del Direttore dell'Agenzia
delle Entrate del 3 marzo
2010
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Persone fisiche non titolari di partita Iva e che non partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese alle quali si applicano gli studi di settore, tenute ad effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali (UNICO PF) che hanno
scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il
17 luglio avvalendosi della facoltà prevista dall'art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 435/2001
Versamento della 4° rata dell'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
4001 - Irpef Saldo
    4033  - Irpef acconto - prima rata
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'addizionale regionale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l'anno d'imposta 2012, maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo,con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
3801 - Addizionale regionale all'imposta sul reddito delle persone fisiche
    3805 - Interessi pagamento dilazionato tributi regionali
  Versamento della 4° rata dell'addizionale comunale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
3844 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - saldo
    3843 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - acconto
  Versamento della 4° rata dell'acconto d'imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti
a ritenuta alla fonte, maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo,con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
4200 - Acconto imposte sui redditi soggetti a tassazione separata.
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'imposta sostitutiva sulle plusvalenze conseguite a partire dal 01/07/1998 dovuta in base alla dichiarazione dei redditi, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo,con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
1100 - Imposta sostitutiva su plusvalenza per
cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificate
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata del contributo di solidarietà dovuto per l'anno d'imposta
2012 risultante dalla dichiarazione dei redditi annuale, maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo,con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
1683 - Contributo di solidarietà di cui all'art.
2, comma 2, del D.L. n.
138/2011 determinato in sede di dichiarazione annuale dei redditi
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata, dell'Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno 2013 maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
4041 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- SALDO
    4044 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- ACCONTO PRIMA RATA
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
4043 - “Imposta sul valore delle attività finanziarie
detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello
Stato - art. 19, c. 18, DL. n. 201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– SALDO”
    4047 - Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - art.
19, c. 18, DL. n.
201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– ACCONTO PRIMA RATA”
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
4040 - Imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio - Provvedimento del Direttore dell'Agenzia
delle Entrate del 3 marzo
2010
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Locatori, persone fisiche non titolari di partita Iva e che non partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese interessati dagli studi di settore, proprietari o titolari di altro diritto reale di godimento su unità immobiliari abitative locate, per finalità abitative, che abbiano esercitato l'opzione per il regime della cedolare secca, che hanno
scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il
17 luglio avvalendosi della facoltà prevista dall'art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 435/2001
Versamento della 4° rata, dell'imposta sostitutiva operata nella forma della "cedolare secca", a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l'intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
1840 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - ACCONTO PRIMA
RATA
    1842 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali, nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - SALDO
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Creditori pignoratizi non titolari di partita IVA che non partecipano ai sensi degli artt. 5, 115 e 115 TUIR a società, associazioni o imprese interessate dagli studi di settore, che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 17 luglio avvalendosi della facoltà prevista dall'art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 435/2001 Versamento della 4° rata, dell'imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,80%
4040 - Imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio - Provvedimento del Direttore dell'Agenzia
delle Entrate del 3 marzo
2010
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Persone fisiche non titolari di partita Iva che partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese alle quali si applicano gli studi di settore, tenute ad effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali (UNICO PF) e che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro l'8 luglio Versamento della 4° rata dell'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
0,90%
4001 - Irpef Saldo
    4033  - Irpef acconto - prima rata
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'addizionale regionale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l'anno d'imposta 2012, con applicazione degli interessi nella misura dello
0,90%
3801 - Addizionale regionale all'imposta sul reddito delle persone fisiche
    3805 - Interessi pagamento dilazionato tributi regionali
  Versamento della 4° rata dell'addizionale comunale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
0,90%
3844 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - saldo
    3843 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - acconto
  Versamento della 4° rata dell'acconto d'imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti
a ritenuta alla fonte, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,90%
4200 - Acconto imposte sui redditi soggetti a tassazione separata.
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'imposta sostitutiva sulle plusvalenze conseguite a partire dal 01/07/1998 dovuta in base alla dichiarazione dei redditi, con applicazione
degli interessi nella misura dello 0,90%
1100 - Imposta sostitutiva su plusvalenza per
cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificate
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata del contributo di solidarietà dovuto per l'anno d'imposta
2012 risultante dalla dichiarazione dei redditi annuale,con applicazione degli interessi nella misura dello 0,90%
1683 - Contributo di solidarietà di cui all'art.
2, comma 2, del D.L. n.
138/2011 determinato in sede di dichiarazione annuale dei redditi
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata, dell'Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno 2013 con applicazione degli interessi nella misura dello 0,90% 4041 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- SALDO
    4044 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- ACCONTO PRIMA RATA
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
0,90%
4043 - “Imposta sul valore delle attività finanziarie
detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello
Stato - art. 19, c. 18, DL. n. 201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– SALDO”
    4047 - Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - art.
19, c. 18, DL. n.
201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– ACCONTO PRIMA RATA”
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 4° rata dell'imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, con
applicazione degli interessi nella misura dello 0,90%
4040 - Imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio - Provvedimento del Direttore dell'Agenzia
delle Entrate del 3 marzo
2010
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Locatori, persone fisiche non titolari di partita Iva che partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese interessate dagli studi di settore, proprietari o titolari di altro diritto reale di godimento su unità immobiliari abitative locate, per finalità abitative, che abbiano esercitato l'opzione per il regime della cedolare secca, che hanno
scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro l'8 luglio
Versamento della 4° rata, dell'imposta sostitutiva operata nella forma della "cedolare secca", a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, con applicazione degli interessi nella misura dello
0,90%
1840 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - ACCONTO PRIMA
RATA
    1842 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali, nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - SALDO
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Creditori pignoratizi non titolari di partita IVA che partecipano ai sensi degli artt. 5, 115 e 115 TUIR a società, associazioni o imprese interessate dagli studi di settore, che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro l'8 luglio Versamento della 4° rata, dell'imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, con
applicazione degli interessi nella misura dello 0,90%
4040 - Imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio - Provvedimento del Direttore dell'Agenzia
delle Entrate del 3 marzo
2010
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Persone fisiche non titolari di partita Iva che partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese alle quali si applicano gli studi di settore, tenute ad effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali (UNICO PF) che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il
20 agosto avvalendosi della facoltà prevista dall'art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 435/2001
Versamento della 3° rata dell'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
4001 - Irpef Saldo
    4033  - Irpef acconto - prima rata
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 3° rata dell'addizionale regionale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l'anno d'imposta 2012, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
3801 - Addizionale regionale all'imposta sul reddito delle persone fisiche
    3805 - Interessi pagamento dilazionato tributi regionali
  Versamento della 3° rata dell'addizionale comunale all'Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
3844 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - saldo
    3843 - Addizionale comunale all'Irpef - Autotassazione - acconto
  Versamento della 3° rata dell'acconto d'imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti
a ritenuta alla fonte, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
4200 - Acconto imposte sui redditi soggetti a tassazione separata.
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 3° rata dell'imposta sostitutiva sulle plusvalenze conseguite a partire dal 01/07/1998 dovuta in base alla dichiarazione dei redditi, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
1100 - Imposta sostitutiva su plusvalenza per
cessione a titolo oneroso di partecipazioni qualificate
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 3° rata del contributo di solidarietà dovuto per l'anno d'imposta
2012 risultante dalla dichiarazione dei redditi annuale,maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
1683 - Contributo di solidarietà di cui all'art.
2, comma 2, del D.L. n.
138/2011 determinato in sede di dichiarazione annuale dei redditi
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 3° rata, dell'Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno 2013, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
4041 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- SALDO
    4044 - Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - Art. 19, comma 13, D.L. n.
201/2011, conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
- ACCONTO PRIMA RATA
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 3° rata dell'Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
4043 - “Imposta sul valore delle attività finanziarie
detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello
Stato - art. 19, c. 18, DL. n. 201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– SALDO”
    4047 - Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato - art.
19, c. 18, DL. n.
201/2011 conv., con modif., dalla L. n.
214/2011, e succ. modif.
– ACCONTO PRIMA RATA”
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
  Versamento della 3° rata dell'imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
4040 - Imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio - Provvedimento del Direttore dell'Agenzia
delle Entrate del 3 marzo
2010
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Locatori, persone fisiche non titolari di partita Iva che partecipano, ai sensi degli artt. 5-115-116 del TUIR, a società, associazioni e imprese interessate dagli studi di settore, proprietari o titolari di altro diritto reale di godimento su unità immobiliari abitative locate, per finalità abitative, che abbiano esercitato l'opzione per il regime della cedolare secca , che hanno
scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il
20 agosto avvalendosi della facoltà prevista dall'art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 435/2001
Versamento della 3° rata, dell'imposta sostitutiva operata nella forma della "cedolare secca", a titolo di saldo per l'anno 2012 e di primo acconto per l'anno
2013, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
1840 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - ACCONTO PRIMA
RATA
    1842 - Imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali, nonché delle imposte di regsitro e di bollo, sul canone di locazione relativo ai contratti
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione - Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 - SALDO
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Creditori pignoratizi non titolari di partita IVA che partecipano ai sensi degli artt. 5, 115 e 115 TUIR a società, associazioni o imprese interessate dagli studi di settore, che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 20 agosto avvalendosi della facoltà prevista dall'art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 435/2001 Versamento della 3° rata, dell'imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, maggiorando preventivamente l' intero importo da rateizzare dello
0,40% a titolo di interesse corrispettivo, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,44%
4040 - Imposta sui redditi a tassazione separata, a ritenuta a titolo d'imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio - Provvedimento del Direttore dell'Agenzia
delle Entrate del 3 marzo
2010
    1668 - Interessi pagamento dilazionato imposte erariali
Persone fisiche non obbligate all'invio telematico della dichiarazione dei redditi che non hanno presentato alle Poste il modello Unico PF 2013 entro il 1° luglio 2013 Ultimo giorno utile per sanare la mancata presentazione, in formato cartaceo, della dichiarazione dei redditi UNICO PF 2013 e della scelta per la destinazione dell'otto per mille e del
cinque per mille
8911 - Sanzione pecuniaria per altre violazioni tributarie
Persone fisiche obbligate alla presentazione della dichiarazione dei redditi in via telematica e non obbligate che hanno scelto l'invio telematico Presentazione della dichiarazione dei redditi UNICO PF 2013 e della scheda contenente la scelta per la destinazione dell'otto e del cinque per mille -
  Ultimo giorno utile per la regolarizzazione dei versamenti di imposte relative all'anno 2012 non effettuati (o effettuati in misura insufficiente) - (ravvedimento annuale) 8901 - Sanzione pecuniaria Irpef
    1989 - Interessi sul ravvedimento - Irpef
    8902 - Sanzione pecuniaria addizionale regionale Irpef
    1994 - Interessi sul ravvedimento - Addizionale regionale
    8926 - Sanzione pecuniaria addizionale comunale Irpef
    1998 - Interessi sul ravvedimento - Addizionale Comunale all'Irpef - Autotassazione
Contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale del datore di lavoro o del CAF o del professionista abilitato Comunicazione al sostituto d'imposta di non voler effettuare il secondo o unico acconto dell'Irpef o di volerlo effettuare in misura inferiore rispetto a quello indicato nel modello 730-3 -
Persone fisiche non obbligate alla presentazione della dichiarazione dei redditi Presentazione a intermediari abilitati della scheda per la scelta della destinazione dell'8 e del 5 per mille dell'Irpef -
Eredi delle persone decedute nel
2012 o entro il 31 maggio 2013
Presentazione telematica della dichiarazione dei redditi del contribuente deceduto e della scelta per la destinazione dell'otto per mille e del cinque per mille _
Società di persone ed enti equiparati di cui all'art. 5 del D.P.R. 29/09/1973, n. 600 Presentazione della dichiarazione dei redditi - Modello UNICO SP 2013 -
Soggetti Ires con esercizio coincidente con l'anno solare Presentazione della dichiarazione dei redditi - Modello UNICO SC 2013 -
Soggetti ammessi alla tassazione di gruppo di imprese controllate residenti e soggetti ammessi alla determinazione dell'unica base imponibile per il gruppo di imprese non residenti, con esercizio coincidente con l'anno solare Presentazione del modello CNM (Consolidato Nazionale e Mondiale). Il modello deve essere presentato dalla società o ente controllante in forma autonoma, non potendo essere inserito nel modello Unico SC 2013 -
Soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione Irap e con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare Presentazione della dichiarazione Irap 2013 -
Contribuenti obbligati alla presentazione della dichiarazione Iva Presentazione in forma autonoma della dichiarazione annuale Iva relativa all'anno d'imposta 2012 -
Enti pubblici e privati diversi dalle società,  compresi i trust, soggetti all'Ires, nonché società ed enti non residenti soggetti all'Ires Presentazione della dichiarazione dei redditi - Modello UNICO ENC 2013 -
Soggetti Iva Versamento dell'Iva dovuta in caso di adeguamento alle risultanze dei paramentri per l'anno di imposta 2012 6493 - Integrazione Iva
Soggetti passivi Iva stabiliti nel territorio dello Stato Presentazione istanza per il rimborso dell'Iva assolta in un altro Stato membro in relazione a beni e servizi ivi acquistati o importati -
Soggetti passivi Iva stabiliti in altri
Stati Membri della Comunità
Istanza per il rimborso dell'Iva assolta nello Stato italiano in relazione a beni e servizi ivi acquistati e importati da parte dei soggetti stabiliti in altri Stati Membri della Comunità -
Soggetti passivi Iva stabiliti in Stati non appartenenti alla Comunità Europea con cui esistono accordi di reciprocità Presentazione istanza per il rimborso dell'Iva assolta nello Stato italiano in relazione a beni e servizi ivi acquistati e importati. -
Enti e società controllanti  che si avvalgono del regime di liquidazione e versamento, mensile o trimestrale, dell'IVA di gruppo previsto dall'art.
73, comma 3, del D.P.R. n. 633/1972 e dal D.M. 13 dicembre 1979
Presentazione all'agente della riscossione territorialmente competente del Modello IVA 26LP/2013 contenente il riepilogo delle liquidazioni periodiche effettuate dalle società partecipanti alla procedura di liquidazione dell'IVA di gruppo. Al detto modello devono essere allegati: il modello IVA 26PR/2013; le garanzie prestate dalle società partecipanti alla liquidazione di gruppo per i rispettivi crediti compensati; la garanzia prestata dalla controllante per l'eventuale eccedenza di credito di gruppo compensata. -
Enti creditizi con esercizio coincidente con l'anno solare che effettuano le oparazioni di credito di cui agli artt. 15 e 16 del D.P.R. n.
601 del 1973
Presentazione della dichiarazione relativa alle operazioni di finanziamento soggette all'imposta sostitutiva effettuate nel
primo semestre dell'esercizio
2013, ai sensi dell'art. 20 del
D.P.R. n. 601/1973 e dell'art.
8, c. 4, D.L. n. 90/1990
-
Enti del volontariato: ONLUS di cui all'art. 10 del D.lgs. N. 460/1997; Associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e delle Province Autonome di Trento e Bolzano, previsti dall'art.
7 della L. n. 383/2000; Associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all'art. 10, comma 1, lett. a) del D.lgs. n. 460/1997
Per gli enti interessati a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che non hanno presentato la
domanda di iscrizione entro il termine del 7 maggio 2013, scade il termine per regolarizzare la propria posizione. Per regolarizzare è necessario: presentare la domanda di iscrizione nell'elenco degli "enti del
volontariato"; trasmettere alla competente Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, attestante il possesso dei requisiti per l'iscrizione, con allegata la copia del documento del sottoscrittore; pagare preventivamente una sanzione di € 258,00.
8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
  Per gli enti interessati a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che hanno presentato la domanda di iscrizione entro il termine ordinario del 7 maggio 2013 ma hanno omesso la trasmissione della documentazione integrativa entro il termine del 1 luglio
2013, scade il termine per regolarizzare la propria posizione. Per regolarizzare è necessario: trasmettere alla competente Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate la dichiarazione
sostitutiva di atto di notorietà
ex art. 47 del DPR
28/12/2000, n. 445, con allegata la copia del documento del sottoscrittore; pagare preventivamente una sanzione di € 258,00.
8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
  Per gli enti interessati a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che hanno presentato la domanda di iscrizione e la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà nei termini, ma hanno omesso di allegare copia del documento d'identità del sottoscrittore, scade il termine per regolarizzare la propria posizione. Per regolarizzare è necessario: trasmettere alla competente Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate la fotocopia non autenticata del documento d'identità del legale rappresentante dell'ente; pagare preventivamente una sanzione di € 258,00. 8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
Associazioni Sportive Dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi dal CONI a norma di legge, che svolgono una rilevante attività di interesse sociale Per le ASD interessate a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che non hanno presentato la
domanda di iscrizione entro il termine del 7 maggio 2013, scade il termine per regolarizzare la propria posizione. Per regolarizzare è necessario: presentare la domanda di iscrizione nell'elenco delle "associazioni sportive
dilettantistiche "; trasmettere al CONI la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, attestante il possesso dei requisiti richiesti per l'iscrizione, con allegata la copia del documento del sottoscrittore; pagare preventivamente una sanzione di € 258,00.
8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
  Per le ASD interessate a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che hanno presentato la domanda di iscrizione entro il termine del
7 maggio 2013 ma hanno omesso la trasmissione della documentazione integrativa entro il 1 luglio 2013, scade il termine per regolarizzare la propria posizione. Per regolarizzare è necessario: trasmettere al CONI la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con allegata la copia del documento del legale rappresentante dell'ente; pagare preventivamente una sanzione di € 258,00.
8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
  Per le ASD interessate a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che hanno presentato la domanda di iscrizione e la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà nei termini, ma hanno omesso di allegare copia del documento d'identità del sottoscrittore, scade il termine per regolarizzare la propria posizione. Per regolarizzare è necessario: trasmettere al CONI la fotocopia non autenticata del documento d'identità del legale rappresentante dell'ente; pagare preventivamente una sanzione di € 258,00. 8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
Enti senza scopo di lucro di cui all'art. 1, comma 1, lettera b) del D.P.C.M. 23/04/2010 ("Finanziamento della ricerca scientifica e dell'università ")  che intendono partecipare alla
ripartizione della quota del 5 per mille
dell'IRPEF (si tratta di enti ed istituzioni di ricerca, indipendentemente dallo status giuridico e dalla fonte di finanziamento, la cui finalità principale consiste nello svolgere attività di ricerca scientifica)
Gli enti interessati a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che non abbiano posto in essere gli adempimenti relativi all'iscrizione al contributo e alle successive integrazioni documentali nei termini del
30 aprile e del 30 giugno
2013, possono regolarizzare la propria posizione, procedendo alla trasmissione della domanda di iscrizione
al beneficio ovvero all'integrazione documentale, previo pagamento di una sanzione di € 258,00.
8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
Enti rientranti nella previsione di cui all'art. 1, comma 1, lettera c) del D.P.C.M. 23/04/2010 ("Finanziamento della ricerca sanitaria ")  che intendono partecipare alla ripartizione della quota del 5 per mille dell'IRPEF (si tratta di: enti destinatari di finanziamenti pubblici riservati alla ricerca sanitaria; fondazioni o enti istituiti per legge e vigilati dal Min. Salute; associazioni senza fini di lucro e fondazioni che svolgono attività di ricerca traslazionale in collaborazione con i predetti enti) Gli enti interessati a partecipare al riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef per l'esercizio finanziario 2013 che non abbiano posto in essere gli adempimenti relativi all'iscrizione al contributo e alle successive integrazioni documentali nei termini di legge, possono regolarizzare la propria posizione, procedendo alla trasmissione della domanda di iscrizione
al beneficio ovvero all'integrazione documentale, previo pagamento di una sanzione di € 258,00.
8115 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, del D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 2, del D.L. n.
16/2012 - Rimessione in bonis 5 per mille
Soggetti di cui all'art. 73, comma 1, lett. a), con esercizio coincidente con l'anno solare, che hanno deciso di optare per la trasparenza fiscale
(artt. 115 e 116 D.P.R. 917/1986) per il triennio 2012-2014 ma non hanno presentato il modello per l'opzione entro il 31 dicembre 2012, e per i quali sussistono i presupposti per la regolarizzazione previsti dall'art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del 2012 e dalla Circolare n. 38/E del 2012
Ultimo giorno utile per la presentazione della comunicazione di opzione/rinnovo per il regime di tassazione per
trasparenza nell'ambito delle società di capitali relativamente al triennio
2012-2014, avvalendosi della remissione in bonis ex art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del
2012 N.B.: Ai fini del
perfezionamento dell'istituto in esame è necessario versare, contestualmente alla presentazione tardiva della comunicazione, la sanzione in misura pari ad €
258,00 nonché possedere i requisiti sostanziali previsti dalla normativa di riferimento
8114 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 1, del D.L. n.
16/2012 - RIMESSIONE IN BONIS
Soggetti Ires di cui all'art. 73, comma
1, lett. a), b) e d), con esercizio coincidente con l'anno solare, che hanno deciso di optare per il consolidato fiscale di cui agli artt.
117 e ss. del D.P.R. 917/1986 per il triennio 2013-2015, ma non hanno presentato il modello per l'opzione entro il 17 giugno 2013, e per i quali sussistono i presupposti per la regolarizzazione previsti dall'art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del 2012 e dalla Circolare n. 38/E del 2012
Ultimo giorno utile per la presentazione della comunicazione di opzione al regime di tassazione del consolidato fiscale di cui agli artt. 117 e ss. del TUIR relativamente al triennio
2013-2015, avvalendosi della remissione in bonis ex art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del
2012. N.B.: Ai fini del
perfezionamento dell'istituto in esame è necessario versare, contestualmente alla presentazione tardiva della comunicazione, la sanzione in misura pari ad €
258,00 nonché possedere i requisiti sostanziali previsti dalla normativa di riferimento
8114 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 1, del D.L. n.
16/2012 - RIMESSIONE IN BONIS
Enti e società controllanti con esercizio coincidente con l'anno solare che intendono avvalersi della facoltà di adesione al regime di liquidazione e versamento, mensile o trimestrale, dell'IVA di gruppo
previsto dall'art. 73, comma 3, del D.P.R. n. 633/1972 e dal D.M. 13 dicembre 1979, per l'anno d'imposta
2013, e che non hanno presentato il modello per l'opzione (c.d. Modello Iva 26) entro il 18 febbraio 2013, e per i quali sussistono i presupposti per la regolarizzazione previsti dall'art. 2, comma 1, del D.L. n. 16
del 2012 e dalla Circolare n. 38/E del
2012
Ultimo giorno utile per la presentazione della dichiarazione di adesione al regime previsto per le società controllanti e controllate (c.d. Modello Iva
26) dall'art. 73, comma 3, del D.P.R. n. 633/1972 e dal D.M. 13 dicembre 1979, per l'anno d'imposta 2013,
avvalendosi della remissione in bonis ex art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del 2012. N.B.: Ai fini del perfezionamento dell'istituto in esame è necessario versare, contestualmente alla presentazione tardiva della dichiarazione Iva 26, la sanzione in misura pari ad €
258,00 nonché possedere i requisiti sostanziali previsti dalla normativa di riferimento
8114 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 1, del D.L. n.
16/2012 - RIMESSIONE IN BONIS
Persone Fisiche esercenti attività commerciali di cui all'art. 55 del TUIR, società in nome collettivo e in accomandita semplice e quelle ad esse equiparate a norma dell'art.5, comma 3, del TUIR,con esercizio coincidente con l'anno solare, che,
per l'anno d'imposta 2013, intendono avvalersi della facoltà di determinare la base imponibile Irap ai sensi dell'art. 5-bis , comma 2, del D.Lgs.
n. 446/1997 ma che non hanno presentato tempestivamente il modello per l'opzione, per i quali sussistono i presupposti per la regolarizzazione previsti dall'art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del 2012 e dalla Circolare n. 38/E del 2012
Ultimo giorno utile per la presentazione della comunicazione dell'opzione per la determinazione del valore della produzione netta di cui all'art. 5-bis, comma 2, del D.Lgs. n. 446/1997, per l'anno d'imposta 2013, avvalendosi della remissione in bonis ex art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del 2012. N.B.: Ai fini del perfezionamento dell'istituto in esame è necessario versare, contestualmente alla presentazione tardiva della comunicazione, la sanzione
in misura pari ad € 258,00 nonché possedere i requisiti sostanziali previsti dalla normativa di riferimento
8114 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 1, del D.L. n.
16/2012 - RIMESSIONE IN BONIS
Imprese marittime, con esercizio coincidente con l'anno solare, che intendono optare per il regime della "tonnage tax " ai sensi degli artt. 155-
161 del D.P.R. n. 917/1986 a partire dal periodo d'imposta 2013 ma non hanno presentato la comunicazione dell'opzione entro il 2 aprile 2013, e per i quali sussistono i presupposti per la regolarizzazione previsti dall'art. 2, comma 1, del D.L. n. 16
del 2012 e dalla Circolare n. 38/E del
2012
Ultimo giorno utile per la presentazione della comunicazione dell'opzione per il regime della "tonnage tax " ai sensi degli artt. 155-
161 del D.P.R. n. 917/1986, a partire dall'anno d'imposta
2013, avvalendosi della remissione in bonis ex art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del
2012. N.B.: Ai fini del
perfezionamento dell'istituto in esame è necessario versare, contestualmente alla presentazione tardiva della comunicazione, la sanzione in misura pari ad €
258,00 nonché possedere i requisiti sostanziali previsti dalla normativa di riferimento
8114 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 1, del D.L. n.
16/2012 - RIMESSIONE IN BONIS
Enti associativi interessati alla presentazione del modello EAS per il periodo d'imposta 2013 ma che non hanno trasmesso tempestivamente detto modello e per i quali sussistono i presupposti per la regolarizzazione previsti dall'art. 2, comma 1, del D.L. n. 16 del 2012 e dalla Circolare n.
38/E del 2012
Ultimo giorno utile per la presentazione del modello
per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi (c.d. modello EAS), per l'anno d'imposta 2013, avvalendosi della remissione in bonis ex art. 2, comma 1, del D.L. n.
16 del 2012. N.B.: Ai fini del perfezionamento dell'istituto in esame è necessario versare, contestualmente alla presentazione tardiva della comunicazione, la sanzione in misura pari ad €
258,00 nonché possedere i requisiti sostanziali previsti dalla normativa di riferimento
8114 - Sanzione di cui all'art. 11, comma 1, D.Lgs. N. 471/1997, dovuta ai sensi dell'art.
2, comma 1, del D.L. n.
16/2012 - RIMESSIONE IN BONIS
Soggetti passivi Iva che abbiano effettuato operazioni con operatori economici aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o territori a regime fiscale privilegiato (Paesi c.d. "black-list") individuati dal D.M.
04/05/1999 e dal D.M. 21/11/2001, come modificati dal D.M. 27/07/2010
Comunicazione mensile delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi di importo superiore a euro 500 effettuate e ricevute, registrate o soggette a registrazione, nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio
in Paesi c.d. "black-list"
-
Enti non commerciali di cui all'art. 4, quarto comma, del D.P.R. n.
633/1972 e agricoltori esonerati di cui all'art. 34, sesto comma, dello stesso D.P.R. n. 633/1972  N.B.
Sono tenuti a quest'adempimento sia gli enti non commerciali non soggetti passivi d'imposta sia quelli soggetti passivi Iva, limitatamente alle operazioni di acquisto realizzate nell'esercizio di attività non commerciali
Dichiarazione mensile dell'ammontare degli acquisti intracomunitari di beni registrati nel mese precedente, dell'ammontare dell'imposta dovuta e degli estremi del relativo versamento (Modello INTRA
12)
-
Enti non commerciali di cui all'art. 4, quarto comma, del D.P.R. n.
633/1972 e agricoltori esonerati di cui all'art. 34, sesto comma, dello stesso D.P.R. n. 633/1972  N.B.
Sono tenuti a quest'adempimento sia gli enti non commerciali non soggetti passivi d'imposta sia quelli soggetti passivi Iva, limitatamente alle operazioni di acquisto realizzate nell'esercizio di attività non commerciali
Liquidazione e versamento dell'Iva relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente 6099 - Iva
Intermediari finanziari Comunicazione all'Anagrafe Tributaria dei dati, riferiti al mese solare precedente, relativi ai soggetti con i quali sono stati intrattenuti rapporti di natura finanziaria -
Imprese di assicurazione Versamento dell'imposta dovuta sui premi ed accessori incassati nel mese di agosto 2013 nonché gli eventuali conguagli
dell'imposta dovuta sui premi ed accessori incassati nel mese di luglio 2013
3354 - Imposta sulle assicurazioni - Erario - Art. 4-bis, comma 5 e art. 9, comma 1 della legge 29 ottobre 1961, n. 1216
    3356  -  imposta sulle assicurazioni RC auto – Province"
    3357  -  contributo al SSN sui premi di assicurazione RC auto"
    3358 -  contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto – Friuli Venezia Giulia
    3359 - contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto – Trento"
    3360 - contributo al SSN sui premi di assicurazione per RC auto – Bolzano"
    3361 - contributo al Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura – aumento aliquota
Imprese di assicurazione estere che operano in Italia in regime di libera prestazione di servizi Presentazione della denuncia mensile relativa ai premi ed accessori incassati nel mese precedente -
Proprietari di autoveicoli con oltre 35
Kw con bollo scadente ad agosto
2013 residenti in Regioni che non hanno stabilito termini diversi
Pagamento tasse automobilistiche (bollo auto)  
Soggetti che risultino proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria di autovetture e di autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose con potenza superiore a 185
Kw con bollo scadente ad agosto
2013 e residenti in Regioni che non hanno stabilito termini diversi
Pagamento dell'addizionale erariale alla tassa automobilistica (c.d. superbollo), pari a venti euro per ogni kilowatt di potenza del veicolo superiore a 185
Kw, ridotta dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione del veicolo rispettivamente al
60%, al 30% e al 15%. Non è più dovuta decorsi venti anni dalla data di costruzione
3364 - Addizionale Erariale alla tassa automobilistica
Proprietari o titolari di altro diritto reale di godimento su beni immobili Ultimo giorno utile per sanare la mancata presentazione della dichiarazione IMU per gli immobili per i quali l'obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012 -
Amministrazione del Senato della
Repubblica
Trasmissione all'Agenzia delle Entrate degli elenchi nominativi dei percipienti ai quali sono stati corrisposti nell'anno 2012 somme e valori assoggettati a ritenute d'acconto ai sensi dell'art. 29 del D.P.R. 29/09/1973, n.
600. Tali comunicazioni hanno ad oggetto sia i dati fiscali dei percipienti sia i dati previdenziali relativi agli iscritti al regime dell'assicurazione
obbligatoria
-
Amministrazione della Camera dei
Deputati
Trasmissione all'Agenzia delle Entrate degli elenchi nominativi dei percipienti ai quali sono stati corrisposti nell'anno 2012 somme e valori assoggettati a ritenute d'acconto ai sensi dell'art. 29 del D.P.R. 29/09/1973, n.
600. Tali comunicazioni hanno ad oggetto sia i dati fiscali dei percipienti sia i dati previdenziali relativi agli iscritti al regime dell'assicurazione
obbligatoria
-
Amministrazione della Presidenza della Repubblica Trasmissione all'Agenzia delle Entrate degli elenchi nominativi dei percipienti ai quali sono stati corrisposti nell'anno 2012 somme e valori assoggettati a ritenute d'acconto ai sensi dell'art. 29 del D.P.R. 29/09/1973, n.
600. Tali comunicazioni hanno ad oggetto sia i dati fiscali dei percipienti sia i dati previdenziali relativi agli iscritti al regime dell'assicurazione
obbligatoria
-
Amministrazione della Corte
Costituzionale
Trasmissione all'Agenzia delle Entrate degli elenchi nominativi dei percipienti ai quali sono stati corrisposti nell'anno 2012 somme e valori assoggettati a ritenute d'acconto ai sensi dell'art. 29 del D.P.R. 29/09/1973, n.
600. Tali comunicazioni hanno ad oggetto sia i dati fiscali dei percipienti sia i dati previdenziali relativi agli iscritti al regime dell'assicurazione
obbligatoria
-
Fonte: Agenzia Entrate

| More